#F2F2F2

sagrafungo021117Ruvo. Criticità avanzate nei confronti della Sagra del Fungo Cardoncello.

La Sagra del Fungo Cardoncello è una manifestazione della città di Ruvo di Puglia consolidatasi negli anni, giunta alla sua XIII edizione.
L’iniziativa ha riscosso nel tempo un successo crescente registrando anche opinioni contrarie. Nell’edizione 2017 un gruppo di espositori ha avanzato richiesta di partecipazione alla kermesse; preso atto del nuovo regolamento, lo hanno contestato per iscritto innescando, in seguito, un movimento di opinione che ha visto i social quale piazza pubblica di dibattito.
L’associazione Pro Loco, promotrice ed organizzatrice dell’evento, si è vista esposta ad una ingiusta pubblicità negativa che l’ha spinta ad elaborare una risposta formale al gruppo di espositori predetti e a diffondere il presente comunicato stampa che ne riassume i contenuti.

“Doveroso precisare che la manifestazione della Sagra del Fungo Cardoncello, giunta alla sua tredicesima edizione, è un’iniziativa organizzata e gestita dalla Pro Loco di Ruvo di Puglia coordinata dall’UNPLI (Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia), in sinergia con il Comune di Ruvo di Puglia - Assessorato Cultura e Turismo e Attività Produttive, la Confcommercio e sotto l’alto patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.
Le finalità perseguite dall’Associazione Turistica Pro Loco, indicate all’art. 3 dello Statuto, non hanno alcuno scopo di lucro; la Pro Loco fonda le sue radici sull’operato costante e minuzioso di tanti volontari che mettono a disposizione il loro tempo libero per il buon nome della città.
La manifestazione coinvolge più Pro Loco e Comuni dello stesso territorio, atta a sensibilizzare le popolazioni interessate nei confronti del fenomeno sociale, culturale, ambientale e turistico; allo stesso tempo rappresenta un’occasione per i venditori/espositori di far conoscere i propri prodotti e perché no, anche di trarre i relativi profitti.
Occorre rilevare che, a seguito della Circolare del 7 giugno 2017 del Ministero dell’Interno per le “pubbliche manifestazioni”, sono state diramate nuove e rigorose disposizioni per il governo e la gestione delle pubbliche manifestazioni.
Sul punto urge precisare quanto segue. In base alla normativa poc’anzi enunciata si è reso indispensabile ed obbligatorio adeguare il regolamento generale della Sagra del Fungo Cardoncello 2017 rivisitandolo nell’ottica di consentire alla Pro Loco di Ruvo di Puglia di adempiere agli oneri che la manifestazione comporta.
Infatti, il contributo economico richiesto ai partecipanti alla Sagra - come si legge nell’art. 5 del Regolamento generale della manifestazione (scaricabile dal sito www.prolocoruvodipuglia.it) - copre le spese di gestione e di organizzazione dell’evento.
Si tenga presente che, sempre in ottemperanza alle nuove disposizioni in tema di “pubbliche manifestazioni”, sulla scorta del Regolamento generale della Sagra del Fungo Cardoncello, le strutture mobili per consentire l’esposizione saranno fornite dall’Associazione promotrice dell’evento (art. 3) che provvederà al loro montaggio ed al loro smontaggio a fine evento, coprendo altresì le spese delle utenze elettriche durante lo svolgimento della manifestazione e i costi di occupazione di suolo pubblico (TOSAP).
Si fa notare che nell’edizione 2017 della Sagra si è inteso migliorare il servizio offerto agli espositori e ai fruitori della manifestazione attraverso l’omogeneità delle strutture espositive e la fornitura di energia elettrica in tutti gli stand, semplificando gli iter organizzativi degli standisti.
L’organizzazione dell’evento ha previsto due tipologie di esposizione a costi differenti: la prima mediante gazebo in legno con copertura in PVC di dimensioni 3X3m e la seconda con banchetto espositivo di dimensioni 2X1m con copertura a falde. Nell’edizione precedente, oltre ai costi di organizzazione dell’evento, ogni espositore sosteneva quelli per l’allestimento del proprio spazio, la fornitura di energia elettrica e la TOSAP; in passato si sono verificati contenziosi su alcuni espositori che non hanno rispettato le dimensioni delle aree a loro assegnate.
La suddetta miglioria posta in essere quest’anno ha comportato un aggravio dei costi di gestione dell’iniziativa seppur prevenendo i contenziosi di cui sopra e razionalizzando la manifestazione. Alla luce del confronto tra i servizi offerti in questa edizione e nella scorsa, i costi fissi possono ritenersi pressoché invariati”.

La macchina organizzativa della Sagra del Fungo Cardoncello supera anche queste criticità che costituiscono opposizioni che non hanno l’intenzione di migliorare un’iniziativa già di per se consolidata, ma tendono a minare il buon nome dell’Associazione e la possibilità che l’evento si ripeta negli anni a seguire a scapito sia della promozione turistica e culturale della città sia del commercio.

Aggiungi commento

 

Codice di sicurezza
Aggiorna


 
 

sagrafungo021117Ruvo. Criticità avanzate nei confronti della Sagra del Fungo Cardoncello.

La Sagra del Fungo Cardoncello è una manifestazione della città di Ruvo di Puglia consolidatasi negli anni, giunta alla sua XIII edizione.
L’iniziativa ha riscosso nel tempo un successo crescente registrando anche opinioni contrarie. Nell’edizione 2017 un gruppo di espositori ha avanzato richiesta di partecipazione alla kermesse; preso atto del nuovo regolamento, lo hanno contestato per iscritto innescando, in seguito, un movimento di opinione che ha visto i social quale piazza pubblica di dibattito.
L’associazione Pro Loco, promotrice ed organizzatrice dell’evento, si è vista esposta ad una ingiusta pubblicità negativa che l’ha spinta ad elaborare una risposta formale al gruppo di espositori predetti e a diffondere il presente comunicato stampa che ne riassume i contenuti.

“Doveroso precisare che la manifestazione della Sagra del Fungo Cardoncello, giunta alla sua tredicesima edizione, è un’iniziativa organizzata e gestita dalla Pro Loco di Ruvo di Puglia coordinata dall’UNPLI (Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia), in sinergia con il Comune di Ruvo di Puglia - Assessorato Cultura e Turismo e Attività Produttive, la Confcommercio e sotto l’alto patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.
Le finalità perseguite dall’Associazione Turistica Pro Loco, indicate all’art. 3 dello Statuto, non hanno alcuno scopo di lucro; la Pro Loco fonda le sue radici sull’operato costante e minuzioso di tanti volontari che mettono a disposizione il loro tempo libero per il buon nome della città.
La manifestazione coinvolge più Pro Loco e Comuni dello stesso territorio, atta a sensibilizzare le popolazioni interessate nei confronti del fenomeno sociale, culturale, ambientale e turistico; allo stesso tempo rappresenta un’occasione per i venditori/espositori di far conoscere i propri prodotti e perché no, anche di trarre i relativi profitti.
Occorre rilevare che, a seguito della Circolare del 7 giugno 2017 del Ministero dell’Interno per le “pubbliche manifestazioni”, sono state diramate nuove e rigorose disposizioni per il governo e la gestione delle pubbliche manifestazioni.
Sul punto urge precisare quanto segue. In base alla normativa poc’anzi enunciata si è reso indispensabile ed obbligatorio adeguare il regolamento generale della Sagra del Fungo Cardoncello 2017 rivisitandolo nell’ottica di consentire alla Pro Loco di Ruvo di Puglia di adempiere agli oneri che la manifestazione comporta.
Infatti, il contributo economico richiesto ai partecipanti alla Sagra - come si legge nell’art. 5 del Regolamento generale della manifestazione (scaricabile dal sito www.prolocoruvodipuglia.it) - copre le spese di gestione e di organizzazione dell’evento.
Si tenga presente che, sempre in ottemperanza alle nuove disposizioni in tema di “pubbliche manifestazioni”, sulla scorta del Regolamento generale della Sagra del Fungo Cardoncello, le strutture mobili per consentire l’esposizione saranno fornite dall’Associazione promotrice dell’evento (art. 3) che provvederà al loro montaggio ed al loro smontaggio a fine evento, coprendo altresì le spese delle utenze elettriche durante lo svolgimento della manifestazione e i costi di occupazione di suolo pubblico (TOSAP).
Si fa notare che nell’edizione 2017 della Sagra si è inteso migliorare il servizio offerto agli espositori e ai fruitori della manifestazione attraverso l’omogeneità delle strutture espositive e la fornitura di energia elettrica in tutti gli stand, semplificando gli iter organizzativi degli standisti.
L’organizzazione dell’evento ha previsto due tipologie di esposizione a costi differenti: la prima mediante gazebo in legno con copertura in PVC di dimensioni 3X3m e la seconda con banchetto espositivo di dimensioni 2X1m con copertura a falde. Nell’edizione precedente, oltre ai costi di organizzazione dell’evento, ogni espositore sosteneva quelli per l’allestimento del proprio spazio, la fornitura di energia elettrica e la TOSAP; in passato si sono verificati contenziosi su alcuni espositori che non hanno rispettato le dimensioni delle aree a loro assegnate.
La suddetta miglioria posta in essere quest’anno ha comportato un aggravio dei costi di gestione dell’iniziativa seppur prevenendo i contenziosi di cui sopra e razionalizzando la manifestazione. Alla luce del confronto tra i servizi offerti in questa edizione e nella scorsa, i costi fissi possono ritenersi pressoché invariati”.

La macchina organizzativa della Sagra del Fungo Cardoncello supera anche queste criticità che costituiscono opposizioni che non hanno l’intenzione di migliorare un’iniziativa già di per se consolidata, ma tendono a minare il buon nome dell’Associazione e la possibilità che l’evento si ripeta negli anni a seguire a scapito sia della promozione turistica e culturale della città sia del commercio.

Aggiungi commento

 

Codice di sicurezza
Aggiorna

WEBtv